Demenze e malattie neurologiche degenerative

Con una nuova diagnosi ogni 3 secondi, le demenze colpiscono 47 milioni di persone nel mondo, destinate a diventare 131 milioni entro il 2050, con un impatto umano, sociale ed economico importante.

I medici ricercatori di Humanitas Gavazzeni sono impegnati in prima linea nello studio internazionale Recage (“Respectful Caring For The Agitated Elderly”), lavoro di ricerca clinica osservazionale approvato dalla Commissione Europea – Horizon 2020, che coinvolge dodici centri clinici con sede in sette paesi (Italia, Francia, Svizzera, Belgio, Germania, Grecia e Norvegia).

Questo lavoro che sta impegnando specialisti e ricercatori per 3 anni viene svolto su pazienti con demenza e BPS con sintomi comportamentali e psicologici della demenza. Ha per obbiettivo quello di valutare l’efficacia clinica dei Centri dotati di Unità di Cure Speciali per questi malati, i cosiddetti centri SCU-B.

E’ questa una grande opportunità per la U.O. di Neurologia di Humanitas Gavazzeni, che da anni si impegna sul fronte della prevenzione, cura e ricerca per migliorare le condizioni di vita di chi soffre di malattie neurologiche degenerative che sono in costante crescita. La migliore gestione di queste patologie rappresenta la possibilità di migliorare la qualità della vita non solo dei pazienti ma anche dei familiari.


Pin It on Pinterest