Ulcere gastro-duodenali da Helicobacter Pylori in decrescita. 22 anni di esperienza a Milano

Ulcere gastro-duodenali, gastriti, alterazioni dell’epitelio gastrico e, secondo l’International Agency for Research on Cancer, circa l’89% dei tumori gastrici sono causati dall’infezione da Helicobacter Pylori (HP), prevalente e in aumento nei paesi più poveri e in via di sviluppo (Africa, Asia Orientale, Sud America) rispetto a quelli industrializzati e alle aree metropolitane dove decresce drasticamente.

Scoperto nel 1983, HP è un batterio gram-negativo che colonizza l’epitelio gastrico ed è responsabile di lesioni nello stomaco. Studi recenti stimano che il 50% della popolazione mondiale abbia contratto l’infezione da Helicobacter Pylori (HP) nei primi mesi di vita, a causa di scarse condizioni di igiene ambientale. Intercettare precocemente la presenza di infezione, anche grazie alla gastroscopia, e curarla con terapie antibiotiche prima che si sviluppino lesioni precancerose, potrebbe aiutare a ridurre anche l’incidenza di carcinoma gastrico.

 

I medici del Servizio di Endoscopia e Gastroenterologia sono impegnati in un’analisi retrospettiva di oltre 30.000 gastroscopie e biopsie su pazienti ambulatoriali effettuate tra il 1997 e il 2018 in Humanitas San Pio X. Dall’osservazione sono stati esclusi i pazienti con storia pregressa di tumore gastrico, chirurgia gastrica, chemioterapia per ogni tipo di tumore, terapie anticoagulanti. I risultati, divisi per anno, età, genere, popolazione italiana residente e immigrati, permetterà di valutare e/o confermare il trend di decrescita della prevalenza di infezione da Helicobacter Pylori nelle zone più industrializzate.

 


Pin It on Pinterest