Semina anche tu per la vita: insieme contro il tumore del pancreas

tumori del pancreas sono sempre più frequenti e si stima che tra 10-15 anni rappresenteranno la seconda causa di morte per tumore nei Paesi occidentali1. Questa neoplasia infatti è fortemente aggressiva e purtroppo associata a un’alta mortalità. Se la Ricerca è importante in tutti gli ambiti, in quello del tumore al pancreas lo è in modo speciale perché le risorse che vi sono destinate sono in genere poche. Ecco perché sono di grande aiuto le iniziative di raccolta fondi, portate avanti dai nostri donatori.

Domenica 1 Settembre, si terrà per il secondo anno consecutivo l’evento benefico “Semina anche tu per la vita”, organizzato in memoria di Angelo Medaglia, veterinario di Pontenura, a favore della Ricerca contro il tumore del pancreas. I fondi raccolti durante l’iniziativa – che si terrà al Castello di Paderna, vicino Piacenza – verranno devoluti a Fondazione Humanitas per la Ricerca per finanziare lo studio e la cura dei tumori al pancreas, condotte dall’Unità Operativa di Chirurgia Pancreatica.

Come ci spiega il prof. Alessandro Zerbi, Responsabile di Chirurgia Pancreatica di Humanitas: “Si tratta di un’iniziativa a cui abbiamo partecipato anche lo scorso anno e che è stata molto preziosa per il nostro lavoro di ricerca; grazie ai fondi raccolti in quell’occasione (e in altre iniziative), possiamo infatti offrire una borsa di ricerca a una ricercatrice, la dottoressa Alessandra Pulvirenti, che inizierà proprio nel mese di agosto il suo lavoro nel nostro team. La dottoressa sarà presente all’evento di domenica 1 settembre proprio per ringraziare e portare la propria testimonianza”.

In particolare, la dottoressa Pulvirenti si occuperà della caratterizzazione del paziente con carcinoma pancreatico mediante analisi sulle variabili genetiche, metaboliche e immunitarie. Con questo progetto di ricerca puntiamo ad avvicinarci sempre di più a una medicina personalizzata, che nell’approccio ad altri tumori è già una realtà, con l’obiettivo di sapere già al momento della biopsia come quello specifico tumore reagirà ai diversi trattamenti e dunque proporre al singolo paziente il piano terapeutico più appropriato al suo caso. Non tutti i tumori infatti sono uguali ed è importante capire per quale motivo si comportano in modo diverso. Cogliere queste differenze ci consentirebbe di applicare strategie di trattamento differenti a seconda del singolo caso”, conclude il prof. Zerbi.

 

1. Cancer Res.2014 Jun 1;74(11):2913-21. Projecting cancer incidence and deaths to 2030: the unexpected burden of thyroid, liver, and pancreas cancers in the United States. Rahib L, Smith BD, Aizenberg R, Rosenzweig AB, Fleshman JM, Matrisian LM.

 


Pin It on Pinterest

Share This